configurare-cdn

Le CDN – Content Delivery Network sono la spina dorsale trasparente di Internet e sono responsabile della distribuzione dei contenuti. Ognuno di noi interagisce quotidianamente con i CDN; quando si leggono articoli su siti di notizie, si fanno acquisti online, si guardano video di YouTube o si sfogliano i feed dei social media.

Per capire perché le CDN sono così ampiamente utilizzati, devi prima capire quale problema risolvono. La latenza, è il fastidioso ritardo che si verifica dal momento in cui richiedi di caricare una pagina Web al momento in cui il suo contenuto appare effettivamente sullo schermo. La CDN serve ad ovviare a questo problema.

In sostanza, le CDN consentono di velocizzare il processo di trasferimento delle risorse  per caricare i contenuti Internet. Ormai i servizi CDN sono diventati un elemento fondamentale che, ad oggi, viene utilizzato dalla maggior parte del traffico Web, compreso il traffico da siti importanti come Facebook, Netflix e Amazon.

Cos’è la CDN?

L’intervallo di ritardo è influenzato da una serie di fattori, molti dei quali sono specifici di una determinata pagina web. In tutti i casi, tuttavia, la durata del ritardo è influenzata dalla distanza fisica tra te e il server di hosting di quel sito web.

cosa-è-cdn

La missione della CDN è ridurre virtualmente quella distanza fisica, con l’obiettivo di migliorare la velocità e le prestazioni di rendering del sito.

Come configurare la CDN in Magento 2

Configurare CDN Magento 2 – Content Delivery Network (CDN) è una delle soluzioni avanzate da tenere in considerazione, quando le prestazioni del tuo sito sono troppo basse. Il tempo di caricamento del web è un fattore importante che influenza la tua esperienza utente, così come il SEO . A differenza della full page cache, il Content Delivery Network (CDN) non è completamente integrato in Magento 2, quindi devi scegliere e configurare un CDN per conto tuo.

Pertanto, in questo post, vedremo come installare un CDN su Magento per aiutarti a raggiungere una velocità incredibile sul sito.

Configurare una  CDN in Magento 2

  • Nel Pannello di amministrazione, fai clic su Negozi.
  • Nella sezione Impostazioni, seleziona Configurazione.
  • Seleziona Web in Generale nel pannello a sinistra
    Apri la sezione URL di base e continua con quanto segue:

cdn-magento-configurazione

Nel campo Base URL for static View Files inserisci l’URL della posizione sulla CDN in cui sono archiviati i file di visualizzazione statica
Nel campo Base URL User Media Files, inserisci l’URL dei file JavaScript sul CDN
Apri la sezione Base URL (secure) e continua con quanto segue:

Nel campo Secure Base URL for Static View Files, inserisci l’URL della posizione sulla CDN in cui sono archiviati i file di visualizzazione statica.
Nel campo Secure Base URL for User Media, inserisci l’URL dei file JavaScript sulla CDN.

Al termine, fare clic su Save config e il gioco è fatto!

Fonte: MagePlaza

ABILITRE-FLAT-CATALOG-MAGENTO2

Ci sono dello volte in cui il database dei prodotto di un E-Commerce Magento è piuttosto ampio. Magento è infatti famoso per la possibilità di gestire molti prodotti, ma ovviamente il risvolto della medaglia è che risulta difficile gestire un catalogo molto ampio. L’utilizzo di Flat Catalog ti aiuterà quindi a velocizzare la tua raccolta di prodotti invece di gestire i dati del catalogo in molte tabelle in base al valore dell’attributo entità (EAV). Quando il tuo negozio applica il Flat Catalog, infatti, le nuove tabelle vengono generate al volo e memorizzeranno tutti i dati necessari relativi ai tuoi prodotti o categorie.

Il catalogo flat viene aggiornato automaticamente e rapidamente in ogni minuto o in base al tuo cron job indipendentemente dal fatto che il tuo catalogo contenga più di 500.000 SKU. Senza contare che il catalogo flat ti consente anche di velocizzare l’elaborazione delle regole di prezzo del catalogo e del carrello senza alcuna difficoltà. Grazie a questo, l’esperienza dei clienti sarà sicuramente migliore e potrai velocizzare il tuo store grazie anche a questo strumento.  La frequenza di rimbalzo infatti sarà ridotta in pochissimo tempo.

In questo tutorial,vedremo come abilitare il catalogo flat in modo efficace.

Passaggio 1: attiva il catalogo Flat

Puoi attivare il catalogo flat per categorie e prodotti:

  • Nel pannello di amministrazione, Stores –> Setting –> Configurations
  • Nel pannello di sinistra, in Catalog, seleziona Catalog.
  • Apri la sezione Vetrina
    • Scegliere Yes nel campo Use Flat Catalog Category.
    • Scegliere Yes nel campo Use Flat Catalog Product.

abilitare-flat-catalog-magento

  • Salva la configurazione
  • Quando vedi un messaggio di sistema sull’aggiornamento della cache, tocca il collegamento Cache Management.

Passaggio 2: controlla i risultati

Ora, controlliamo come viene mostrato sul frontend:

Metodo 1: controllare i risultati per un singolo prodotto

  • Nel Pannello di amministrazione, Products –> Inventory –> Catalog.
  • Scegli la riga nell’elenco Inventory per modificare il prodotto corrispondente.
  • Nel campo Name, inserisci il testo _DEMO nel nome del prodotto.
  • Salva
  • Apri la home page nella nuova scheda del browser, puoi controllare i risultati:
    • Cerca l’elemento che hai modificato.
    • Utilizza la navigazione per cercare il prodotto nella categoria assegnata.

Per assicurarti che i risultati siano corretti, aggiorna la pagina e la modifica verrà visualizzata con la pianificazione del cron job.

Metodo 2: controlla i risultati per più prodotti

  • Nel Pannello di amministrazione, Products –> Inventory –> Catalog
  • Nell’angolo in alto a sinistra, scegli la Store View da visualizzare, puoi impostare per tutte le visualizzazioni del negozio o una visualizzazione del negozio specifica di cui hai bisogno.
  • Scegli una categoria esistente dall’albero delle categorie.
  • Fai clic sul collegamento Add Subcategory  e procedi come segue:
    • Immetti la “Categoria di prova” per il nome.
    • Scegli Yes per il campo Is Active.
    • Salva categoria per salvare le impostazioni.

abilitare-flat-catalog

 

  • Nella scheda Category Product, fare clic sul collegamento Reset Filter per rendere visibili tutti i prodotti.
  • Seleziona la casella di controllo dei prodotti che desideri aggiungere alla nuova categoria, quindi Salva categoria.
  • Apri la home page nella nuova scheda del browser per navigare fino alla categoria aggiunta dalla navigazione del negozio.

Per assicurarti che i risultati siano corretti, aggiorna la pagina e la modifica verrà visualizzata con la pianificazione del cron job.

Conclusione

È così che puoi abilitare il catalogo piatto in Magento 2. Memorizzare tutte le informazioni in una tabella aggiuntiva può darti l’opportunità di migliorare la velocità di caricamento del catalogo prodotti e l’esperienza del cliente.

MAGENTO-VS-SHOPWARE

Spesso, quando si inizia a pensare di aprire un’ attività E-Commerce, la prima cosa che si domanda è sicuramente che piattaforma utilizzare. Di CMS e piattaforme in generale, per E-Commerce ce ne sono molte e ognuna ha delle caratteristiche specifiche. Nell’articolo di oggi approfondiremo quindi un confronto tra Magento e Shopware per vedere insieme queste soluzioni in termini di prestazioni e, in particolare, esamineremo i concetti di test delle prestazioni di Shopware 6 vs Magento 2.

Shopware 5 e Shopware 6: qual è la differenza?

Prima di procedere alla descrizione dei concetti di test delle prestazioni di Shopware 6 vs Magento 2, esaminiamo quindi le differenze tra le due versioni Shopware più utilizzate. Nella versione 6, gli sviluppatori hanno riscritto il core del sistema da zero utilizzando i framework Symfony 4 e Vue. Tutto questo quindi ha permesso di incorporare il supporto per tutte le tecnologie e i servizi più recenti, come l’integrazione del cloud.

L’interfaccia nella nuova versione di Shopware si basa sulla piattaforma Bootstrap e sul motore Twig, che rende più facile per gli sviluppatori configurare l’aspetto del negozio, anche senza alcuna conoscenza speciale. Anche la configurazione del backend è stata semplificata il più possibile.

Shopware 6 utilizza l’approccio API-First, grazie al quale le tecnologie IoT e il voice commerce possono integrarsi come parte fondamentale  dei canali di vendita esistenti.

Un altro vantaggio di questa versione è un componente Asset che consente di gestire URL, stili CSS, script JS, immagini, ecc.

Novità di Shopware 6 sono anche l’integrazione con il server di cache HTTP Varnish e l’introduzione del linguaggio di markup Edge Side Include (ESI) utilizzato per semplificare il ridimensionamento dell’infrastruttura web.

Infine, c’è un nuovo modulo Rule Builder. Questo consente di adattare i processi di vendita, senza la necessità di apportare modifiche al codice. Questa caratteristica poi consente ai che realizza template di adattare queste nuove funzioni alle più specifiche esigenze aziendali.

Abbiamo quindi deciso di fare questo confronto tra Magento e Shopware 6, poiché quest’ultima versione di Shopware è più completa della precedente e quindi più comparabile.

Il settore online ha avuto una grande impennata negli ultimi anni, soprattutto in questo ultimo periodo. Gli utenti hanno aumentato di molto la spesa che investono in acquisti online e questo è sicuramente un dato che ci fa capire, come sia importante investire in questo tipo di commercio.

Per chi si approccia con l’apertura di un nuovo E-Commerce, il primo quesito che si pone è: quale piattaforma scelgo?

Nella guida di oggi, ti mostrerò un confronto tra due delle piattaforme  più utilizzate, al momento: Magento e Shopware.

Magento è una piattaforma complessa e ma comunque molto completa. Con questo CMS si è in grado di soddisfare tutte le esigenze di un venditore, perché personalizzabile e scalabile.

Shopware  invece è la piattaforma leader nei paesi di lingua tedesca che però sta prendendo piede anche tra gli utenti europei. D’altra parte, Magento è stata per anni una scelta popolare per le aziende di grandi dimensioni ed è improbabile che cambierà presto.

Ma vediamo nel dettaglio le differenze sostanziali.

Magento Vs Shopware: panoramica generale

Shopware è piuttosto immediato e ti consente di sfruttare facilmente il tuo potenziale di crescita. Inoltre si concentra sull’ottimizzazione dell’esperienza del cliente. Shopware è ora la piattaforma più popolare nella parte di lingua tedesca della community. Conta  oltre 40.000 siti web live con una quota di mercato del 4,70%.

Magento d’altro canto, è una piattaforma open source ricca di funzionalità con un enorme potenziale. Nata nel 2007, Magento è una delle piattaforme per la realizzazione di negozi online, più popolare nel settore dell’e-commerce. Si contano più di 200.000 siti Web attivi che lavorano con questa piattaforma.  Magento è un marchio di fiducia a livello internazionale con enormi clienti tra cui aziende brillanti come Coca Cola, Ford, Nike e altre.

Per ora, Magento è disponibile in 2 versioni:

Magento Open Source: una piattaforma open source scaricabile gratuitamente disponibile a chiunque.
Magento Commerce: una versione a pagamento ($ 1.500 + / mese). Questa versione è perfetta per le aziende di livello alto che necessitano di un po ‘di potenza e aiuto per lo sviluppo.
In questo articolo di comparazione, ci concentreremo su Magento Open Source poiché è la versione più popolare.

Quindi quali caratteristiche importanti attireranno sempre più nuovi clienti?

Vediamolo insieme!

I prezzi

Quando si sceglie una soluzione adeguata, il prezzo è sicuramente un elemento fondamentale da considerare. Perché, soprattutto quando si è all’inizio, i costi sono una parte molto importante.

Magento

Magento è teoricamente gratuito (nella sua versione Open Source), ma ovviamente la personalizzazione si paga. Se infatti vuoi realizzare un Ecommerce che abbia tutte le funzionalità di cui hai bisogno, avrai sicuramente necessità di moduli o estensioni.

Anche se molte estensioni sono gratuite,  per l’installazione è consigliabile utilizzare professionisti del settore. Ovviamente questo si paga.

Se infatti non hai tempo o competenze tecniche, affidare il lavoro a uno sviluppatore di siti web sarà una soluzione ottimale. Tieni presente costo di questi professionisti, come ti dicevo può variare tra i € 50- € 80 l’ora. Anche se il costo ti può sembrare abbastanza importante, affidarti ad un professionista, può davvero fare la differenza e farti avere un sito con tutte le funzionalità che servono al tuo business.

Inoltre, anche se Magento Open Source è gratuito da installare, ma dovrai pagare per l’hosting, il dominio e la sicurezza.

Se invece ti vuoi affidare alla soluzione a pagamento di Magento, ossia Magento Commerce  considera che il costo è circa di $ 22.000 + / anno. Questa soluzione è più adatta per le aziende di dimensioni più grandi, e ha funzionalità più avanzate.

Magento propone anche una versione denominata Magento Commerce Cloud ($ 40.000 + / anno). Per alcuni aspetti è simile a Magento Commerce. L’edizione Cloud è solo per le grandi aziende che devono far fronte a un’enorme quantità di dati di vendita. Invece, il cloud è dove archiviamo i dati, piuttosto che su un disco rigido che può causare la perdita di dati in alcuni casi tecnici. Poiché questa edizione rilascia tutte le funzionalità, il prezzo di questo Magento Commerce Cloud è molto più alto rispetto alle altre 2 edizioni.

Shopware

Anche Shopware offre attualmente 3 edizioni:

  • La Starter Edition (Shopware Cloud) è un’edizione che inizialmente risulta gratuita. Sostanzialmente paghi solo quando inizi a vendere per la prima volta. Il pagamento avviene sotto forma di una piccola quota di compartecipazione alle entrate. Tuttavia, questa edizione offre solo funzionalità limitate.
  • La Professional Edition invece ha un costo di € 199,00 al mese (o € 2.495,0 all’anno). Con questa versione, più completa, riceverai ulteriori strumenti di e-commerce. Tra queste troverai tutte le funzionalità come Social Shopping, Prodotto personalizzato ed estensioni CMS.
  • Enterprise Edition è la soluzione per progetti di Ecommerce più grandi. Quando ti registri con questa versione, puoi sbloccare tutte le funzionalità Ecommerce, ma non solo! Potrai infatti usufruire anche del supporto individuale e per sviluppatori. Questa versione di Shopware è disponibile su richiesta.

Facilità di utilizzo

Sia Shopware e Magento  ti consentono di modificare il codice sottostante nel modo desiderato per il tuo sito web. Ma la domanda che ci si può porre è: “Chi è più user-friendly, Shopware o Magento?”

Magento

Poiché Magento è ricco di funzionalità, può risultare abbastanza complicato da usare. L’amministrazione e le operazioni quotidiane di Magento sono abbastanza semplici, ma l’effettivo processo di configurazione e personalizzazione non è così semplice.

Anche se in questo ultimo periodo tante sono state le innovazioni che stanno rendendo questa piattaforma, molto più usabile. Una delle modifiche più importanti in questo aggiornamento è il page builder content editing tool, disponibile anche nella versione 2.4.

Il tanto atteso Magento 2 è cambiato in modo significativo. Questa versione aggiornata fornisce ai merchants un pannello di amministrazione intuitivo e facile da usare. Ci sono infatti importanti miglioramenti nell’interfaccia di gestione che semplifica la ricerca di dati nel pannello di amministrazione e consente la creazione di nuovi contenuti facilmente.

Tuttavia, l’interfaccia utente di Magento è ancora complessa in quanto contiene probabilmente migliaia di impostazioni. Anche l’installazione della versione più recente e le configurazioni sono un pò impegnative..

Shopware

Shopware è forse un pò più accessibile sia per i proprietari dei negozi che per i clienti. Tuttavia, all’inizio, la creazione di un negozio Shopware è ancora un mal di testa per gli sviluppatori.

In generale, Shopware è abbastanza facile da usare, anche per i merchants non tecnologici. Questa piattaforma offre infatti funzionalità di Drag & Drop e doppio clic che semplificano molto la gestione del tuo negozio. Con Shopware, sarai in grado di aprire più finestre e avere una chiara panoramica di tutti i dati di cui hai bisogno.

Personalizzazioni

Magento 2 come abbiamo detto in precedenza, è piuttosto famoso per l’alto grado di personalizzazione.  Nel Marketplace di Magento puoi infatti trovare più di 5000 estensioni e poi c’è un’ampia gamma di  fornitori che sviluppano nuovi plugin ogni giorno. Inoltre, include molte opzioni di personalizzazione avanzate pronte all’uso.

Anche Shopware è completamente personalizzabile, poiché è una piattaforma open source. Tuttavia meno sviluppatori lavorano con questa piattaforma e creano nuovi plugin.

Supporto

Magento 2 ha una community con più di 100.000 membri, che sono sempre pronti ad aiutarti. Puoi porre la tua domanda sul forum o trovare la risposta nella documentazione ufficiale. Trovi molto materiale anche online, con guide e articoli, come ad esempio il blog Magentiamo, dove ci sono molti tutorial ad hoc.

Shopware ha 2 opzioni di supporto:

  • team di supporto ufficiale a pagamento
  • supporto della community.

Il prezzo per il servizio di supporto a pagamento parte da 49 € / al mese. E la community ha più di 40.000 membri per lo più situati in Europa.

Scalabilità

Magento 2 è molto semplice da scalare. Con Magento puoi elaborare negozi con un massimo di 500.000 a catalogo con la corretta ottimizzazione. Inoltre, ti consente di aggiungere più lingue, valute, spedizione e metodi di pagamento.

Shopware è stato progettato per negozi online di piccole e medie dimensioni.  Qualora poi il tuo negozio dovesse diventare più grande, avrai bisogno della versione pro della piattaforma.

Caratteristiche Ecommerce

Magento

Magento ha un elenco di funzionalità e-commerce davvero infinito. Vediamo per esempio alcune delle caratteristiche più importanti:

Gestione del Catalogo

Le funzionalità di gestione dell’inventario sono legate al progetto Multi Source Inventory (MSI). Il MSI ti offre gli strumenti per controllare l’inventario dei tuoi prodotti.

Molti merchants infatti hanno un singolo negozio e più magazzini, punti di ritiro, corrieri e altro. Con Magento possono utilizzare queste funzionalità per mantenere la quantità per le vendite e gestire le spedizioni per completare gli ordini.

Inoltre, la piattaforma elabora in background gli aggiornamenti del catalogo condiviso B2B di lunga durata mentre lavori su altre attività amministrative.

Report e analisi

Magento ti dà la possibilità di accedere a una suite di report dinamici dai tuoi prodotti, ordini e dati dei clienti, con una dashboard personalizzata. Questa funzione è ben adattata alle tue esigenze aziendali. Magento raccoglierà dati e invierà informazioni al Magento Business Intelligence (MBI) per analisi senza avere un account MBI da utilizzare.

Checkout-magento

Dopo il processo di checkout, il cliente sceglie il metodo di pagamento e applica all’acquisto eventuali coupon con codici promozionali. Possono anche rivedere e modificare qualsiasi informazione, se necessario.

Shopware

Shopware eccelle nel settore dell’e-commerce da molto tempo ormai,  grazie alle sue caratteristiche impressionanti. Vediamo cosa offre:

Gestione del prodotto

Per migliorare l’esperienza del cliente, dovrai fornire tutti i dettagli sui prodotti che vendi in modo chiaro, completo e coerente. Pertanto, una gestione efficace del prodotto è una buona idea.

La configurazione del prodotto in Shopware è chiara e semplice. Potrai creare varianti insieme ai loro diversi prezzi e immagini. Potrai impostare regole in base al set di criteri per gli attributi. Ad esempio, puoi utilizzare il merchandising basato su regole per promuovere i tuoi prodotti al di sopra di quelli di altri marchi o aumentare i prodotti che hanno un margine più elevato. Questa strategia è utile per i negozi online più grandi.

Flusso di clienti

Il flusso di clienti nel sistema Shopware può aiutarti a stabilire criteri. Questo può includere il sesso o l’importo speso per consentire l’automazione. Ad esempio, puoi impostare un filtro del flusso di clienti per i clienti di età inferiore a 5 anni che hanno effettuato un acquisto nel tuo negozio con una spesa inferiore a $ 20.000.

Un’altra caratteristica eccezionale è che anche i nuovi utenti che soddisfano i requisiti appariranno automaticamente nel flusso del tuo cliente. Con questi criteri stabiliti, puoi assegnare newsletter e promozioni di marketing che si adattano al pubblico di destinazione.

Shopping Word

Shopping word è uno strumento che serve per promuovere i tuoi prodotti. Questa soluzione consente ai proprietari di negozi non tecnologici di creare landing page e modificare visivamente i contenuti su categorie e altri tipi di pagine. Shopping Word utilizza la funzione drag & drop per prodotti, post di blog, guide video e banner.

Test di performance Magento Vs Shopware

Questo test è di fondamentale importanza, poiché consente di misurare il consumo di risorse rispetto a scenari di utilizzo e interazione tipici. Prima di iniziare però diamo per curiosità, un’occhiata ad altri tipi di test che vengono spesso confusi con i test delle prestazioni.

Test di performance Vs Test di integrazione

Molto spesso, i test delle prestazioni vengono confusi con alcuni tipi di test funzionali, come ad esempio i test di integrazione. Questo tipo di test prevede il test di singoli moduli software combinati in un gruppo.

Mentre il test di integrazione appartiene ai test funzionali (per verificare se la presentazione del software soddisfa determinate specifiche), il test delle prestazioni non è funzionale (viene utilizzato per verificare i carichi del sistema durante scenari operativi tipici). Pertanto, il confronto diretto tra i due non è valido perché hanno obiettivi diversi e vengono eseguiti separatamente.

Shopware 6 vs Magento 2: requisiti per i test di performance

Prima del test delle prestazioni, ti conviene effettuare i seguenti controlli per evitare problemi e ottenere i risultati più obiettivi:

  • Test cross-browser sui diversi tipi di dispositivi. Ha senso controllare l’aspetto della tua vetrina in vari browser e su diversi dispositivi mobili. In alcuni casi, il layout della pagina potrebbe risultare confuso;
  • Test di compatibilità delle estensioni. Alcune delle estensioni integrate possono causare problemi con altre. Assicurati che tutte le estensioni funzionino correttamente e conduci test di regressione per estensioni con funzionalità simili o correlate;
  • Prova di carico. Imita un carico elevato per il tuo negozio per garantire che un grande volume di visitatori non causi malfunzionamenti;
  • Autotest. Il nostro elenco di requisiti per i test delle prestazioni di Shopware 6 vs Magento 2 si conclude con la necessità di test automatizzati che sarebbero utili per rilevare i difetti nelle fasi iniziali.

Cosa fare prima del test delle prestazioni di Shopware 6 vs Magento 2?

Ti consiglio di stimare il tempo di risposta dei server delle piattaforme Shopware e Magento.

Shopware 6 vs Magento 2: piano di test delle prestazioni

Di seguito ecco un semplice elenco delle tipologie di test legati alle prestazioni, che ti consentirà di vedere le differenze tra Shopware 6 vs Magento 2:

  • Inizia il test della pagina;
  • Test delle directory;
  • Test semplici delle pagine dei prodotti;
  • Test di pagine prodotto complesse;
  • Test del carrello della spesa.

Shopware 6 vs Magento 2: software per il test delle prestazioni

La cosa grandiosa dei test delle prestazioni è che non devi spendere soldi per software costosi. Gli strumenti più popolari sono gratuiti e open source. Per ottenere risultati sufficienti, avrai bisogno di tre cose: uno strumento di test delle prestazioni, uno strumento di profilazione e uno strumento per l’analisi di dati e metriche.

Vediamo quindi alcuni di questi strumenti che possono esserti utili per questa tipologia di test.

Shopware 6 vs Magento 2 Test delle prestazioni con JMeter

Apache JMeter è un potente strumento per testare le prestazioni e, in particolare, condurre test di carico. Mentre inizialmente JMeter era progettato per testare le prestazioni dei server Web, oggi è diventato uno strumento di test automatizzato con un’ampia scelta di opzioni, adatto anche per il test funzionale di applicazioni Web, file server, server Web e persino database.

Raccolta di statistiche con Tideways

Tideways è un’estensione di profilazione PHP che fornisce una connessione al servizio tideways.io per l’analisi dei risultati della profilazione. Un’unica libreria fornisce tutti gli strumenti necessari per scoprire l’efficienza del backend del sito Web o dell’applicazione.

Test delle prestazioni di Shopware 6 e Magento 2 con Postman

Postman è un client HTTP molto conveniente per testare i siti Web, presentato sotto forma di estensione del browser. Con questo, puoi comporre e modificare richieste HTTP che verranno salvate automaticamente per un ulteriore utilizzo. Il programma ha anche un editor di query integrato, con la possibilità di codificare le richieste, caricarle da file e inviare dati binari.

Analisi e reportistica con Google Analytics

Google Analytics può aiutarti a creare un rapporto dettagliato sui test delle prestazioni tra Shopware 6 e Magento 2, consentendo anche a un principiante di effettuare questo confronto.

Shopware 6 vs Magento 2: risultati dei test sulle prestazioni

Ora che hai visto i vari strumenti disponibili per fare un confronto tra le due piattaforme, possiamo mettere insieme i dati rilevati per effettuare un’analisi.

Se compiliamo tutti i risultati del test in un unico grafico a barre, viene fuori quanto segue:

Shopware 6 vs Magento 2 risultati

Come puoi vedere, ad eccezione della pagina iniziale, Shopware 6 mostra una velocità migliore rispetto a Magento 2.

Prestazioni di Shopware 6 e Magento 2: best practice

Quindi, le best practice di test per le prestazioni sono:

  • Creare un piano chiaro per testare le pagine (l’insieme ottimale di pagine è stato descritto sopra);
  • Utilizzo di moderni strumenti per il test automatico (JMeter, Postman, ecc.);
  • Test in una varietà di ambienti e con carichi critici.
  • Solo in questo caso otterrai i risultati più oggettivi.

Shopware 6 vs Magento 2: test delle prestazioni e test di carico

Speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a capire come eseguire i test delle prestazioni tra Shopware 6 e Magento 2. Come possiamo vedere dai risultati dimostrati dei test delle prestazioni, Shopware in effetti risulta più efficiente di Magento. Pertanto, se non hai grandi volumi di prodotti o esigenze particolari di negozio, Shopware può essere una buona soluzione alternativa.

Conclusione

Con questo articolo ho voluto darti qualche indicazione in più per capire le differenze tra Magento e Shopware. Queste due solide piattaforme open source danno accesso a una serie di caratteristiche uniche, consentendo agli imprenditori di gestire le proprie attività in modo più efficace. La scelta dipende molto da quello che ti occorre nello specifico e dalle tue esigenze.

Buona scelta!

Cosa sono le cache di Magento 2? Perché dovresti svuotare la cache?

Le cache Magento 2, che memorizzano i dati per chiamate dati future più rapide, sono responsabili del miglioramento della velocità del sito. I tipi di cache includono configurazione, layout, DDL, dati di raccolte, output di blocco HTML, configurazione compilata, cache della pagina, riflessione, valore dell’attributo entità, traduzione, notifica al cliente, configurazione di integrazione, configurazione dell’API di integrazione e configurazione dei servizi Web.

Ogni volta che apporti modifiche al tuo negozio, è essenziale aggiornare le cache per visualizzare tali modifiche sul frontend. Se è necessario aggiornare le cache, verrà visualizzato un avviso in giallo che indica che è necessario accedere alla pagina Gestione cache per farlo. Ora diamo un’occhiata al seguente screenshot:

cache-magento

Come svuotare la cache di Magento 2

Vai alla directory principale di Magento

Svuotare l’archiviazione della cache

php bin/magento cache:clean

oppure una riga di comando più corta:

php bin/magento c:c

Svuotare la cache di Magento

php bin/magento cache:flush

Fine! Vai al tuo negozio Magento e controlla il risultato.

Prestashop-ottimizzare-velocita

Sebbene lo shopping online sia molto più conveniente e comodo rispetto ad andare in un negozio fisico, le persone tendono ad essere meno pazienti quando fanno acquisti su Internet. Gli utenti si aspettano reazioni istantanee quando fanno clic sui link e si aspettano di trovare subito ciò che cercano. Più devono aspettare, più è probabile che lasceranno il sito per quello di un concorrente. Di conseguenza, i negozi online che danno priorità alla velocità guadagnano di più.

Se utilizzi PrestaShop per il tuo sito di E-commerce, hai a disposizione molti strumenti per ottimizzare le prestazioni del tuo negozio. Questa guida illustrerà alcuni semplici modi per velocizzare PrestaShop.

PrestaShop è una piattaforma open source che consente a chiunque di creare il proprio negozio online. Scritto in PHP, PrestaShop è una soluzione popolare per siti Web di tutte le dimensioni grazie alla sua vasta selezione di componenti aggiuntivi. Dai un’occhiata a ciascuno degli 8 suggerimenti di seguito per consigli su come velocizzare il tuo sito PrestaShop.

1.Le tre C: Combina, comprimi e memorizza nella cache

Questa opzione condenserà tutti i tuoi CSS, JavaScript e HTML in singole righe di codice, eliminando quindi eventuali spazi bianchi o caratteri non necessari. Pertanto, le dimensioni dei tuoi file saranno più piccole e le tue pagine web verranno caricate più velocemente. Dalla barra dei menu in alto, guarda nella scheda Preferenze avanzate e fai clic su Prestazioni. Quindi, cerca l’opzione CCC.

prestashop-cdn-integrazione

2. Scegli un modulo cache

L’importanza di implementare un modulo cache non può essere sottovalutata. Oltre a ridurre i tempi di caricamento della pagina di diversi secondi, in alcuni casi possono ridurre drasticamente il carico del server poiché la consegna di file memorizzati nella cache consuma risorse minime.

Però. non tutti i moduli di memorizzazione nella cache vengono creati allo stesso modo. Ce ne sono di gratuiti là fuori, ma i negozi online seri dovrebbero investire in un’opzione premium.

3. Raddoppia i tuoi server web

Quando si tratta di scegliere un server web, Nginx o Apache sono le opzioni ovvie. Ognuno ha i suoi vantaggi e svantaggi, quindi quale dovresti usare? La risposta è entrambe le cose! L’uso simultaneo dei due server compensa le loro carenze individuali. L’approccio più comune a questo è mettere Nginx davanti ad Apache come proxy inverso. In questo modo, Nginx gestirà tutte le richieste di contenuto statico mentre Apache gestisce le richieste di contenuto dinamico.

4. Investi in un CDN

Se non l’hai già fatto, approfitta del content delivery network (CDN) per accelerare la consegna dei contenuti. Dopo averlo configurato, inserisci semplicemente le informazioni sul servizio multimediale in PrestaShop. Una CDN memorizzerà nella cache le tue risorse statiche attraverso la sua rete di server perimetrali in tutto il mondo. Pertanto, la richiesta di un visitatore può essere instradata al server periferico più vicino della CDN anziché viaggiare ogni volta verso il server di origine.

L’integrazione di PrestaShop con KeyCDN è molto semplice e può essere eseguita in pochi passaggi.

5. Usa l’ultima versione di PHP

L’installazione o l’aggiornamento all’ultima versione di PHP potrebbe apportare importanti miglioramenti alla velocità.

L’ultima versione di PHP è stata un aggiornamento sostanziale in termini di prestazioni rispetto alla precedente.

6. Ottimizza il tuo database

Per il tuo database, potresti provare Percona Server o MariaDB piuttosto che MySQL standard per una migliore scalabilità. In alternativa, potresti voler utilizzare un server separato per il tuo MySQL se il tuo sito Web ha molto traffico. La dimensione del tuo server alla fine conta meno di come è impostato.

Inoltre, non dimenticare di ottimizzare il database di tanto in tanto. Il modulo gratuito PrestaShop Database Optimization fa un lavoro sufficiente. Assicurati solo di non cancellare accidentalmente le informazioni sull’ordine o i dati del catalogo.

7. Approfitta dei componenti aggiuntivi di PrestaShop

Parlando di moduli, il negozio PrestaShop ha un’intera sezione di componenti aggiuntivi per migliorare le prestazioni del tuo negozio online. Tali strumenti ti consentono di implementare il caricamento lento, l’ottimizzazione delle immagini e altre strategie per ottimizzare la tua esperienza utente.

8. Disinstallare tutti i moduli inutilizzati

PrestaShop è precaricato con centinaia di funzioni e moduli, molti dei quali non ti servono. Disabilita e disinstalla tutti i moduli che il tuo negozio non usa in modo che non vengano caricati.

Strumenti per il test della velocità

Ovviamente, non puoi sapere se i tuoi sforzi di ottimizzazione stanno dando i loro frutti a meno che non quantifichi i tuoi guadagni. Per fortuna, gli strumenti di test della velocità possono valutare le prestazioni del tuo sito web e evidenziare le aree di miglioramento. Qualunque strumento tu scelga, esegui regolarmente dei test per assicurarti di operare alla velocità ottimale.

Cosa non fare

  • Non preoccuparti degli acceleratori PHP come Xcache o APC. Prova invece OPcache per una consegna PHP più veloce.
  • Non preoccuparti dei moduli delle statistiche di PrestaShop poiché occupano spazio nel tuo database. Invece, usa un’alternativa come Google Analytics.
  • Non fare troppo affidamento su font o file provenienti da fonti esterne. Inoltre, limita l’uso di script di monitoraggio esterni.
  • Non provare a ridimensionare foto di grandi dimensioni con HTML. Ottimizza le immagini in un programma come Adobe Photoshop o con un modulo di compressione delle immagini.

Valutare i tuoi progressi

Più importante di qualsiasi metrica è la tua linea di fondo. I tuoi sforzi di ottimizzazione stanno facendo aumentare le vendite?

Sebbene la velocità del sito Web sia probabilmente il fattore più cruciale per il successo di un negozio online, è ancora solo uno dei tanti.

Il layout del tuo sito, i tuoi prezzi e i tuoi prodotti sono tutti importanti.

Tuttavia, se i clienti devono attendere lunghi tempi di caricamento, è improbabile che restino in giro per vedere tutto ciò che il tuo negozio ha da offrire.

Di temi WordPress ce ne sono davvero un’infinità! Tra temi gratuiti e premium, veramente la scelta è molto ampia.

Però destreggiarsi nella scelta del tema giusto per le nostre esigenze, non è facile e spesso la domanda che ci si pone è: come scegliere un tema WordPress, in realtà?

Ci sono fattori o considerazioni speciali che dovresti tenere a mente? Qualcosa di cui devi sempre essere consapevole?

Ovviamente dipende molto dalle tue esigenze. Se hai bisogno di un tema video, non sceglierai un tema di moda e così via. Tuttavia, alcuni elementi chiave rimangono gli stessi quando ti stai chiedendo come scegliere un tema WordPress.

Vediamoli in questo articolo.

Come scegliere il giusto tema WordPress?

1. Conosci le tue esigenze e il tuo budget

Questa è, ovviamente, la tua prima preoccupazione. Devi essere consapevole delle tue esigenze e necessità. Inizia scoprendo la natura del sito web che stai costruendo o gestendo. È un sito di video? È un semplice blog? Ci saranno molte immagini?

Una volta fatto questo quindi, puoi scegliere il tipo di tema WordPress più adatto alle tue esigenze.

Ovviamente dovrai stare attento anche al tipo di design. Ad esempio, i siti Web incentrati sui contenuti, potrebbero essere migliori con un tema WordPress molto minimale, mentre alcuni siti richiedono alcune animazioni e altre modifiche relative all’aspetto.

Infine, è fondamentale anche il tuo budget. Prima di capire come scegliere un tema WordPress, devi sapere se desideri o meno spendere soldi. Potresti trovare molte persone che ti dicono che tutti i temi gratuiti non sono buoni, ma in realtà non è così. Un buon tema gratuito aderisce agli standard di codifica e viene regolarmente aggiornato, anche se potrebbe non essere supportato da un supporto di qualità premium.

Assicurati di fare le tue ricerche in questo senso.

2. Presta attenzione alla qualità e agli standard del codice

Un tema WordPress mal codificato può avere effetti davvero negativi sulle prestazioni del tuo sito web. In pratica, potrebbe rallentarlo, intasare il database di spazzatura e persino esporlo agli hacker. Pertanto, scegli un tema che aderisce ai più recenti standard di codifica e pratiche più sicure.

È più facile a dirsi che a farsi, vero? Non è possibile aprire ogni singolo file fornito nel pacchetto del tema e rileggere il codice!

Ci sono quindi due scorciatoie per ovviare a questo problema.

  1. Innanzitutto, considera di selezionare solo quei temi che provengono da fornitori rinomati. Cerca negozi a tema che esistono da alcuni anni e hanno un arsenale consolidato di temi premium. Allo stesso modo, seleziona solo quei temi gratuiti che hanno avuto poche migliaia di download. In questo modo puoi evitare spazzatura e codice scadente.
  2. In secondo luogo, affidati al plugin Theme Check. Scansiona il tuo tema WordPress e offre feedback sulla qualità del codice.

3. Assicurati che ci sia supporto e aggiornamenti

Se il tema in questione è un prodotto a pagamento o di natura premium, dovrebbe sempre essere supportato da un supporto di qualità premium. Tale supporto può avvenire tramite forum, e-mail o ticket online. Se riscontri problemi con un tema per il quale hai pagato, gli sviluppatori dovrebbero essere in grado di guidarti. Chiaro e semplice.

I temi gratuiti, tuttavia, sono una storia diversa. È giusto che gli sviluppatori non trascorrano ore a offrire supporto per un prodotto gratuito. Tuttavia, considera di guardare i forum di WordPress.org per il tema dato e verifica se lo sviluppatore è pronto a rispondere alle domande e alle richieste di supporto.

Allo stesso modo, i temi di WordPress dovrebbero essere aggiornati regolarmente. Nel tempo, è necessario applicare nuove patch di sicurezza, correggere i bug, ecc. Un tema che non viene aggiornato regolarmente è un cattivo tema.

Per controllare la frequenza di aggiornamento, prendi in considerazione di guardare il registro delle modifiche di un tema. Di solito ti dà una buona panoramica di quanto sia vivace il processo di sviluppo del tema.

4. Elenca le funzionalità di cui hai bisogno

L’elenco delle caratteristiche e delle funzionalità che un tema WordPress può o deve offrire è sempre discutibile. Se non stai gestendo un sito di notizie, probabilmente non hai bisogno di quel ticker delle ultime notizie nella home page. Insomma dipende dalle tue esigenze.

Tuttavia, ci sono alcune caratteristiche che sono sempre un must!

Ad esempio, il tuo tema WordPress dovrebbe essere sicuramente responsive e ottimizzato per i dispositivi mobili. In questa epoca in cui lo smartphone è quasi alla pari con il desktop, avere un sito fruibile da tutti i tipi di dispositivo, compresi quelli mobili, è fondamentale. Se il tuo tema non risponde, il tuo sito web ne risentirà.

Un’altra cosa: capacità di personalizzazione di base.

Infine, pensa se ciò di cui hai bisogno è un tema di nicchia davvero piccolo o se starai meglio con un tema multiuso più grande. Il primo è una soluzione migliore per i siti di piccole imprese (avvocati, bar, ecc.) e il secondo tende a funzionare bene per le attività online.

Conclusione

Infine, se ti stai ancora chiedendo come scegliere un tema WordPress, ecco un elenco di cose da NON FARE :

  • Non chiedere a Google “grandi temi per wordpress”. O, almeno, fai attenzione quando lo fai. Il fatto è che non sai mai quali fonti di temi sono affidabili e c’è sempre il rischio che tu possa ottenere del codice dannoso insieme al tema. È sempre più sicuro andare in negozi di temi affidabili o controllare cosa è disponibile nella directory ufficiale di WordPress.
  • Se il tuo tema non ti consente di personalizzare o modificare i file di codice, non utilizzarlo. Non importa se hai bisogno di personalizzare o modificare qualsiasi codice, dovresti avere la libertà di farlo.
  • Se il tema offre cose come SEO o funzionalità di sicurezza, non preoccuparti di usarle. Opta per i plugin, che fanno quasi sempre un lavoro migliore in questo.
  • Non utilizzare un tema che non sia ottimizzato per i dispositivi mobili.
  • Non selezionare un tema premium che non sia supportato da un supporto di buona qualità.

Ecco quindi un breve elenco di suggerimenti su come scegliere un tema WordPress. Alcune piccole dritte che ti consentiranno di fare una scelta consapevole. Se poi hai ancora dubbi, scrivimi pure nei commenti.

Come ti ho anticipato qualche articolo fa Woocommerce, non è niente altro che un plug-in di WordPress, che fa in modo di trasformare il sito in un E-Commerce.

Abbiamo visto i prezzi per realizzare un sito con Worpress, ma per Woocommerce invece?

Il plugin WooCommerce ti consente di gestire un negozio online professionale con WordPress. Sia WooCommerce che WordPress sono open-source e non costano un centesimo. Allora per cosa devi pagare?

Prezzi di WooCommerce: cosa devo pagare?

WooCommerce stesso è gratuito. Ma sono necessari un nome di dominio (circa € 15 all’anno) e un servizio di hosting ( dai € 25 al mese). WooCommerce può avere costi aggiuntivi come un tema (dai € 59), plug-in ed estensioni (da € 25 ciascuno) e commissioni per gli sviluppatori (€ 20- € 150/ora).

Naturalmente, potresti non aver bisogno di tutte le funzionalità di cui ti parlo in questo articolo, quindi il costo di WooCommerce può variare

Tuttavia ti voglio dare una panoramica generale per avere tutti gli elementi a tua disposizione. Vedrai anche che ci sono molte risorse gratuite, ma dal momento che vuoi aprire un negozio online è giusto che tu veda tutto.

In altre parole: quando ti aspetti una certa qualità, devi pagarla.

Il caso peggiore potrebbe vederti perdere denaro, tempo e clienti preziosi, solo perché hai cercato di risparmiare.

Hosting

Avrai bisogno di uno spazio web che ti permetta di installare l’ultima versione di WordPress. L’installazione di WordPress e del plug-in è piuttosto semplice poiché può essere eseguita in pochi clic.

Di più funzionalità hai bisogno (spazio web, area di staging, supporto, ecc.) e più pagherai.  Questo perché ogni servizio hosting ha delle caratteristiche specifiche e il prezzo varia in base a queste.

Puoi scegliere per esempio un hosting condiviso, oppure dedicato, un VPS. Tutto dipende da quello che cerchi. Ovviamente i prezzi crescono a seconda che tu scelga un hosting dedicato o una VPS, rispetto ad un condiviso.

I costi possono partire già da 25 € fino  a 200- 300 € / mese

Domini

Un negozio online professionale dovrebbe avere un dominio professionale come .it .com, .net, .co.uk, ecc.

Molte società di hosting ti consentono anche di registrare un dominio tramite il loro servizio. Questo potrebbe farti risparmiare un po’ di soldi, tuttavia, puoi anche optare per l’acquisto del tuo dominio separatamente.

Il costo è di circa 15 € / anno.

Temi

Trovare un tema gratuito non è un problema, ma la qualità può variare notevolmente. Un altro problema con i temi gratuiti è che non forniscono alcun supporto o contengono backlink nascosti che non desideri sul tuo sito web.

Molti temi accattivanti e professionali possono invece essere trovati in questi siti, assicurati solo che supporti WooCommerce:

I prezzi possono partire da € 59

Plugin importanti

Ci sono tonnellate di plugin gratuiti, ma a volte ti renderai conto che devi pagare quando hai bisogno di una determinata funzionalità.

È ancora più importante che lo sviluppatore del plugin lo tenga aggiornato e questo per una questione sia di sicurezza che implementazione.

Sicuramente vuoi evitare tempi di inattività o vulnerabilità causati da un plug-in obsoleto. Questi plugin non solo miglioreranno il tuo negozio online, ma garantiranno anche un’ottima qualità del servizio:

I prezzi possono partire da € 25

Componenti aggiuntivi (estensioni)

Oltre ai plug-in, sono disponibili anche componenti aggiuntivi per WooCommerce.

Sono simili ai plugin, ma realizzati per WooCommerce e aggiungono utili funzioni di E-Commerce.

Ad esempio, puoi aggiungere preprocessori per carte di credito, opzioni di spedizione, una funzione di esportazione dei dati dei clienti e molto altro. Dovrai pagare un costo aggiuntivo di WooCommerce per poterli utilizzare.

Costi di sviluppo

Ci sarà un momento in cui dovrai chiedere aiuto a personale tecnico specializzato. I motivi tipici possono essere problemi tecnici o una nuova funzionalità di cui hai bisogno.

Stiamo quindi parlando degli sviluppatori. Queste devono essere figure di cui si ha fiducia e che siano in grado di fornire un lavoro professionale.

I costi possono variare dai 20 fino ai 150 € / ora.

Conclusioni

Come vedi, i costi da affrontare non sono pochi, ma devi sempre pensare che stai realizzando un’attività commerciale. Qualora avessi dovuto aprire un negozio fisico i costi sarebbero stati molto più grandi.

Poi ovviamente la definizione dei costi specifici dipende molto da te e dalle tue esigenze.

 

In questa guida vedremo come installare un modulo in Prestashop, in modo automatico.

L’operazione non richiede molte competenze tecniche o specifiche e si compone di alcuni semplici passaggi.

Ma vediamoli insieme:

Installare un modulo in PrestaShop Automaticamente

Ecco cosa devi fare:

  • Collegarti al backend di Prestashop
  • Andare nella tab “moduli”
  • Clicca su “Aggiungi nuovo modulo”
  • Scarica il pacchetto relativo al modulo
  • Una volta scaricato, trova il modulo nella lista dei nuovi moduli e clicca su “installa”
  • Successivamente clicca su “configura”
  • Quando la configurazione è completa, puoi utilizzare sin da subito il modulo.

Questo procedimento non funziona però per versioni di PrestaShop precedenti alla 1.3. In quel caso dovrai usare il metodo manuale, che vedremo di seguito.

Installare un modulo in PrestaShop Manualmente

  • Decomprimi il modulo ( file .zip)
  • Collegati al tuo server usando l’ FTP Client
  • Inserisci la cartella estratta nella directory relativa ai moduli del tuo server
  • Collegati al backend del tuo PrestaShop
  • Vai nella sezione “moduli”
  • Guarda nella lista dei nuovi moduli
  • Appena trovato il tuo modulo, clicca su “installa”
  • Successivamente clicca su “configura”
  • Quando la configurazione è completa, puoi utilizzare sin da subito il modulo.

E il gioco è fatto!

Stai già pensando alla vacanze natalizie? Pensi sia troppo presto??

In realtà, non lo è!

In realtà questo è il momento ideale per preparare il tuo store, perché ti consente con un buon anticipo di strutturare le giuste strategie.

L’alta stagione dello shopping natalizio infatti è dietro l’angolo e oggi come non mai, si preannuncia un anno robusto per l’e-commerce.

Considera anche che a breve ci sarà anche il fatidico Black Friday e il Cyber Monday che già nel 2020 hanno dato degli interessanti risultati.

Diventa quindi fondamentale, preparare sin da subito il tuo E-Commerce. Di seguito troverai alcuni utili consigli da seguire.

Consigli per prepararsi alle festività natalizie

Verifica delle prestazioni del sito
Assicurati che il tuo sito web sia pronto per l’aumento del flusso di traffico. Avere un controllo rigoroso del codice e comprendere le lacune con la situazione attuale, quindi passare a un corretto test di carico.

2. Prova di carico
Quando si lancia un nuovo prodotto o si effettua una vendita, ci si aspetta un aumento del traffico. Ad ogni lancio di prodotto, si riscontrano spesso picchi di traffico da 8 a 15 volte superiori al normale traffico giornaliero solo nella prima ora. Questo è un risultato sorprendente che può davvere essere molto interessante per la tua attività, ma solo quando il tuo sito web è pronto per questo.

3. UX e flusso di pagamento
Nella maggior parte dei flussi di E-Commerce, se un servizio non funziona, tutti gli altri servizi sono inutili. Esamina sempre ogni parte del tuo sistema con la stessa identica lente.

Prova tutti i servizi attivi sul tuo store in particolar modo, verifica il corretto funzionamento dei vari metodi di pagamento. Insomma, dovrai cercare di metterti nei panni del tuo cliente e vedere se il processo completo è effettivamente facile e veloce.

Questo richiede tempo e risorse aggiuntivi, ma vale la pena di mantenere i clienti soddisfatti.

La realtà è che la maggior parte dei clienti che non completano un acquisto a causa di errori del sito molto probabilmente non ti risponderanno mai. Ecco perché vale la pena investire in UX.

4. Agilità nell’adattamento
Assicurati di avere un piano di emergenza. Discutere con la propria agenzia partner degli scenari di cosa potrebbe andare storto e avere una strategia pronta su come reagire a queste interruzioni, diventa fondamentale.

Lavorare con un partner affidabile ed essere pronti ad adattarsi rapidamente, è infatti un ottimo cuscinetto di sicurezza, per ovviare la dove si presentassero problemi. Questo perché tutti gli scenari sono stati rigorosamente controllati prima dell’attività di punta.

Un consiglio: crea un playbook sulla crisi e pianifica le modifiche. Questo ti aiuterà ad avere il controllo della situazione, non viceversa.

5. Sicurezza
Con l’espansione della digitalizzazione, la protezione dei dati diventa ancora più importante. Vuoi assicurarti che i tuoi dati e quelli dei tuoi clienti siano ugualmente al sicuro. Assicurati di completare un controllo di sicurezza e di intraprendere le azioni necessarie. Questa è una chiave per mantenere la tua reputazione e il tuo business.

6. Versione mobile
Nel 2020 la spesa per gli smartphone è aumentata del 25,3% anno su anno e ha continuato a crescere, assicurati di preparare la versione mobile del tuo negozio web o considera la UX simile alle app che può essere organizzata da soluzioni PWA (progressive web app), come PWA Studio.

7. Estensioni
L’ecosistema di E-Commerce continua a crescere ed è importante scegliere solo fornitori di estensioni affidabili con un supporto di qualità e standard di prodotto elevati. Lavorando a stretto contatto con la tua agenzia di E-Commerce, potresti ottenere informazioni utili sulla qualità dei prodotti e sul modo in cui si comporta in vari scenari.

Mantenere il tuo sito di e-commerce sicuro e protetto è sempre una priorità assoluta

L’ E-Commerce è una grande responsabilità. Nel caso in cui qualcosa vada storto sul fronte digitale, le persone daranno la colpa al marchio e trasmetteranno ad alta voce i problemi di insoddisfazione dei clienti attraverso i canali social. Assicurati quindi di proteggere il tuo marchio preparandoti adeguatamente per le festività natalizie.

Per le festività natalizie o qualsiasi stagione, non è mai troppo tardi per preparare e proteggere la tua attività. Assicurati di fare un controllo vitale e testare il tuo negozio web con i nostri Audit. Questo ti può aiutare a  proteggere l’immagine del tuo marchio.

Buona preparazione!

Quando decidi di aprire un sito, un blog, un sito E-Commerce, la prima cosa da fare è sicuramente quella di acquistare un dominio. Ma esattamente cosa è un dominio?

Questa domanda spesso, che per molti può sembrare banale, in realtà non lo è, soprattutto per chi si affaccia per la prima volta nel mondo del web. Chi si approccia infatti solo ora con questo mondo, ha necessità di chiarezza in questo senso. Quindi per una scelta consapevole, è giusto avere le idee chiare e sapere cosa si intende per dominio e come scegliere quello giusto per noi.

Cosa è quindi un dominio?

Vediamo quindi di capire in effetti di cosa stiamo parlando…

Un dominio, per dirla in termini semplici, non è niente altro che l’indirizzo web del tuo sito. In sostanza è un nome composto da numeri e lettere, con il quale puoi accedere al server dove è alloggiato il tuo sito.

In sostanza si tratta di un indirizzo univoco con il quale si può trovare ed identificare il tuo sito web, come per esempio www.ilnomedeltuosito.it

Diventa quindi fondamentale, scegliere un dominio che sia identificativo della tua Azienda e che sia in grado di farla riconoscere e ricordare.

Ma di domini ne esistono diverse tipologie, come per esempio i domini di primo e secondo livello. Ma quali sono le differenze?

Domini di primo livello

Un dominio di primo livello, viene utilizzato per identificare una specifica zona geografica o un tipo di attività.

  • Nel caso di zona geografica, parleremo di ccTLD ( country code top-leve domain). Questo è il caso dei domini .it . eng .fr .es etc.
  • Nel secondo caso, si parlerà di gTLD (Generic top-leve domain) e sono quelli utilizzati per organizzazioni e aziende. Per esempio il .com che viene utilizzato per indicare attività commerciali

Domini di secondo livello

Il dominio di secondo livello è invece legato al nome della tua attività/azienda ed è sostanzialmente il nome che si trova prima del .it/.es/.fr etc.

e quindi in www.nomesito.it , la parte “nomesito” è il dominio di secondo livello, mentre il “.it” è il dominio di primo livello

La scelta di questo dominio è fondamentale perché deve essere:

  • breve
  • semplice da ricordare
  • facile da scrivere

Domini di terzo livello

Ci sono però anche i domini di terzo livello, noti anche come sottodomini, che identificano una parte del dominio stesso.

Per esempio:

  • blog.nomesito.it

in questo caso “blog” rappresentano una sorta di approfondimento legata comunque al dominio principale.

Come e dove acquistare un dominio?

Per registrare un dominio dovrai rivolgerti ad Aziende specifiche che realizzano questo tipo di servizi.

Anche noi forniamo servizi si registrazione e trasferimento domini, per info contattaci!

Dopo avere selezionato il tuo provider per il dominio, dovrai scegliere un nome che sia unico e questo puoi vederlo semplicemente. Al momento della registrazione infatti, il provider ti dirà se il dominio scelto è attualmente disponibile o meno.

Inoltre ci sono alcune altre caratteristiche da considerare:

  • il dominio deve essere univoco
  • deve essere formato da caratteri alfanumerici e trattini
  • non ci sono spazi
  • sarebbe buono inserire una keyword

Conclusioni

Come vedi il dominio non è niente di particolarmente difficile, nè da capire nè tantomeno da registrare, ma se hai ancora dubbi, scrivici nei commenti.

 

 

BHOOST Update

Tutte le Novità sulla sicurezza e la velocità per il tuo eCommerce, Strategie, Guide, Studi, Webinar Gratuiti dedicati agli Iscritti, Interviste e Casi di Successo. Che aspetti?