Che cos’è la latenza?

Immagine Che cos’è la latenza?

Spesso si parla di latenza, ma esattamente cosa significa e perché è così importante?

Misurata in millisecondi, la latenza di rete è il tempo impiegato da un visitatore di un sito per connettersi al tuo server web.

Diversi sono i fattori che influiscono sulla latenza, tra cui:

  • Prestazioni del server: esiste una correlazione tra le metriche delle prestazioni del server, inclusa la velocità del server, l’hardware utilizzato (ad es. unità HDD/SDD) e la RAM disponibile e la latenza del sito.
  • Andata e ritorno: un viaggio di andata e ritorno è il viaggio intrapreso da una richiesta di oggetto (ad es. file HTML, fogli di stile e file di script) al tuo server web e ritorno all’utente. Il tempo di andata e ritorno (RTT) è influenzato principalmente dalla distanza tra il server web e l’utente, nonché dal numero di punti intermedi attraverso i quali viaggia una connessione.

Un leggero cambiamento nella latenza può avere un effetto percepibile sul tempo di caricamento della pagina e sull’esperienza utente (UX). Ciò è particolarmente vero per i siti Web E-Commerce, in cui un’elevata latenza può influire in modo significativo sulle prestazioni complessive e quindi sull’esperienza utente.

Come si misura la latenza

Proprio perché latenza è un parametro fondamentale per un sito, occorre misurarla per rendersi meglio conto dell’esperienza utente che andiamo ad offrire ai nostri potenziali clienti.

La misurazione della latenza viene in genere eseguita utilizzando uno dei seguenti metodi:

  • Tempo di andata e ritorno (RTT – Round Trip Time) – Calcolato utilizzando un ping, uno strumento da riga di comando che fa rimbalzare una richiesta dell’utente da un server e calcola quanto tempo ci vuole per tornare al dispositivo dell’utente.
    Nella maggior parte dei casi, la frequenza del ping fornisce una valutazione relativamente accurata della latenza. A volte, tuttavia, la limitazione e la congestione creano una differenza tra la velocità di ping e la latenza effettiva di un server Web.
  • Tempo effettivo/percepito al primo byte (TTFB) – Il TTFB è il tempo impiegato dal browser di un utente per iniziare a caricare una pagina Web dopo che il server ha ricevuto una richiesta iniziale. Ci sono due misure di TTFB:
    • Actual TTFB – Il tempo impiegato dal browser di un utente per ricevere il primo byte di dati da un server. Il TTFB effettivo è principalmente influenzato dalla velocità e dalla connettività della rete.
    • TTFB percepito: il tempo impiegato da un utente per notare che la pagina ha iniziato a caricarsi. Questa è un’importante metrica SEO e UX ed è principalmente influenzata dal tempo necessario per l’analisi di un file HTML.

Numerosi strumenti possono influenzare il TTFB effettivo e percepito, tra cui:

  • Pre-pooling della connessione TCP: riduce i tempi di connessione aprendo preventivamente più connessioni stand-by per gestire le richieste successive.
  • Rendering progressivo dell’immagine: il caricamento di versioni pixelate di un’immagine, che vengono gradualmente sostituite da varianti a risoluzione più elevata. Questo dà al tuo utente l’impressione che una pagina si carichi più velocemente del normale.

cdn-latenza

La CDN per ridurre la latenza

Abbiamo visto cosa è la CDN qualche articolo fa. Grazie ad essa si può infatti ridurre la latenza del tuo sito Web, migliorando le prestazioni complessive del sito e l’esperienza utente.

Possiamo anche utilizzare i seguenti metodi:

  • Cache dei contenuti: le CDN memorizzano nella cache e comprimono le versioni mirror delle tue pagine Web, che vengono quindi archiviate in data center strategicamente posizionati. Il contenuto viene quindi consegnato agli utenti in base alla loro geolocalizzazione, riducendo così i tempi di andata e ritorno e la latenza.
  • Ottimizzazione della connessione: le CDN ottimizzano le connessioni tra utenti e server di origine tramite il riutilizzo delle sessioni, il pre-pooling TCP e il peering di rete. Le CDN Premium accelerano ulteriormente la comunicazione instradando il traffico attraverso un backbone di rete di livello 1 con una quantità minima di hop.

Oltre a ridurre la latenza, le CDN migliorano i tempi di caricamento della pagina del tuo sito attraverso tecniche di ottimizzazione front-end (FEO) come la minimizzazione, la compressione dei file e l’ottimizzazione delle immagini.

 

Manuela Maurizi
BHOOST Super Team

As the lead of the Business Partner Network, Manuela guides the proactive development of new opportunities, primarily through building relationships with new and existing partners. She works on evolving the structure of the Network as well as Partner recruitment and activation processes. Manuela also doesn’t like Brussels sprouts.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.